Il potenziamento della linea ferroviaria Roma – Pescara protagonista di un gruppo di lavoro costituito grazie all’accordo tra Ministero dei Trasporti, Regioni Lazio e Abruzzo e RFI. Il protocollo d’intesa è stato firmato martedì 3 marzo nella sede del MIT a Roma dal ministro Paola De Micheli, i governatori Nicola Zingaretti e Marco Marsilio, e l’ad di Rete Ferroviaria Italiana Maurizio Gentile. Obiettivo, valutare e definire soluzioni progettuali per interventi di tipo infrastrutturale, tecnologico, operativo e organizzativo necessari per il miglioramento del collegamento ferroviario tra le città di Roma e Pescara, il potenziamento della frequenza dei servizi tra Pescara e Chieti e la velocizzazione dei servizi nella tratta Roma- Avezzano.

 

La linea Roma - Pescara, fondamentale per il trasporto delle merci dal Porto di Pescara verso Roma e Civitavecchia, è un corridoio strategico tra est e ovest, la tratta fondamentale che lega la Spagna alla Croazia. Il Lazio ha già firmato un accordo con RFI per incrementare la capacità di traffico sulle linee ferroviarie regionali, tra cui la FL2 Roma - Tivoli - Pescara, dove sono già aperti alcuni dei cantieri per il raddoppio della linea fino a Guidonia. Favorire lo sviluppo di questa linea è quindi un'opportunità di crescita sia per la Regione Lazio, che per la Regione Abruzzo. Saranno utili ulteriori accordi interregionali per la crescita dei collegamenti per i pendolari e le merci, insieme al potenziamento di tutte le infrastrutture e al rinnovo di tutto il parco rotabile delle linee regionali.

 

Il progetto, particolarmente strategico per le regioni interessate - ha sottolineato il ministro De Micheli - rientra nella strategia nazionale per favorire l’accessibilità territoriale con l'obiettivo di connettere le grandi aree metropolitane attraverso sistemi di trasporto collettivo che garantiscano sicurezza, rapidità ed efficacia dei collegamenti. Proprio per questo motivo - ha proseguito - il gruppo di lavoro procederà tenendo conto del sistema urbano e territoriale per costituire soluzioni integrate e condivise con le realtà locali.