Foto di Luca Parlato

La Transiberiana d’Italia, che si snoda per 118 km tra Sulmona e Carpinone, è la prima linea di Binari Senza Tempo, il progetto della Fondazione FS nato per dare una nuova vita a dieci linee ferroviarie non più destinate al trasporto regolare.

Su questi 600 chilometri, recuperati con l’obiettivo di sviluppare un nuovo turismo slow e sostenibile, corrono treni storici che attraversano panorami unici, piccoli borghi e gioielli paesaggistici.

 

Riaperta per usi turistici dal 2014, la Transiberiana d’Italia è oggi fiore all’occhiello dell’offerta della Fondazione FS. A febbraio (2, 9, 16, 23) e a marzo (1 e 8) è possibile viaggiare su questa linea, da Sulmona a Roccaraso, a bordo dei cosiddetti Treni della neve, con le suggestive carrozze Centoporte trainate da una locomotiva diesel d’epoca, e rivivere l’emozione di un viaggio unico tra gli incantevoli scenari imbiancati della Majella e degli Altipiani Maggiori d’Abruzzo.


Si parte dalla stazione di Sulmona e, dopo circa un’ora di viaggio, si giunge nel pittoresco borgo di Campo di Giove. Qui i passeggeri del treno storico avranno a disposizione una sosta di 90 minuti per visitare il centro della città. La seconda tappa del viaggio è Roccaraso, stazione sciistica di fama internazionale, mete di migliaia di turisti ogni anno. Tante le attività previste, tra escursioni, pedalate sulla neve e tanto altro ancora.

 

Per tutte le informazioni sui viaggi in treno storico si possono consultare il sito della Fondazione FS o le fanpage ufficiali su Facebook e Instagram.