Maurizio Zanella e il suo team, hanno scelto di costruire intorno e a supporto della filosofia aziendale un vero e proprio manifesto che fissa in quattro punti i valori fondanti dello sviluppo di un territorio che merita di essere valorizzato con attenzione e passione. Il suggestivo Relais Borgo Egnazia in Puglia, è il luogo scelto dalla cantina di Franciacorta per svelare il progetto in un contesto naturale e di rispetto ambientale che ha pochi eguali in Italia. L’occasione è stata la presentazione dei nuovi vini: Edizione 42 e la Cuvée Prestige Edzione RS.

 

“Vedo grandi similitudini tra il complesso di masserie Borgo Egnazia e San Domenico e Ca’ del Bosco” sottolinea Zanella “Ciò che è stato realizzato qui in Puglia, rappresenta la capacità di investire per dedicarsi al bello, alla cura del territorio, costruendo una proposta di svago e relax di altissima qualità che prima non c’era. Noi a Ca’ del Bosco - aggiunge - abbiamo scelto un percorso molto simile a quello scelto dalla famiglia Melpignano qui a Borgo Egnazia”.

“Esistono momenti, come quelli che stiamo vivendo, nei quali o ci si chiude o si reagisce, trovando la strada per proseguire, guardando avanti e senza timore” conclude il presidente di Ca’ del Bosco e cita Martin Luther King “Un giorno la paura bussò alla porta. Il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno”.

 

È stata la terza generazione aziendale a definire e redigere il “Manifesto” individuando una base di ripartenza. Lavoro compiuto da Luca Cinacchi, Federica Piva, Monica Faletti e Laura Botta coordinati dal filosofo Leonardo Caffo.

Ecco i punti principali:

Usare (...e coltivare) senza consumare: ascoltare la natura e dare alle sue forme la possibilità di esprimersi attraverso l’aiuto dell’uomo.

Equilibrio fra tradizione innovazione: Ca’ del Bosco crede nell’innovazione, nella ricerca, nella tecnologia, affinché integrino il sapere dell’uomo.

Arte e cultura come valorizzazione: investire sull’arte, sull’integrazione tra la materia e i saperi spirituali, consolidando la collaborazione con artisti, fotografi e scrittori.

Ecologia, etica, educazione: creare un sistema di valori che siano punto di riferimento internazionale senza mai perdere lo spirito di quel sogno imprenditoriale che ha permesso di coltivare non solo le viti, ma anche le relazioni umane.

 

Una riflessione decisamente coerente con il profondo lavoro enologico, compiuto per creare Edizione 42 e la Cuvée Prestige Edzione RS. “Senza perdere la nostra concretezza - dice Zanella - fra due anni Ca’ del Bosco compirà cinquant’anni sul mercato.”

Dal punto di vista enologico, “Cuvée Prestige Edizione” vuole essere l’espressione dei diversi terroir della Franciacorta, ispirata alla visione dell’enologo Stefano Capelli. Un vino originale, dalla fragrante freschezza e complessità che rivela al meglio il carattere dei 139 diversi vini di cui si compone, provenienti da 141 particelle di vigna e da 4 diverse annate di vini riserva.

 

La Cuvée Prestige Edizione RS (recentemente sboccato), destinata a pochi appassionati, presenta 5 edizioni dalla 34 alla 30, espressive dei sentori del tempo che scorre dal 2009 al 2005. Declinazione intrigante e di grande valore, un percorso nel tempo. “Bottiglie che testimoniano lo stile di un’azienda che trasforma ciò che la natura ci ha dato” chiosa Maurizio Zanella.

Ascolta l'intervista a Maurizio Zanella