È di 250 milioni di Euro e della durata di 10 anni l’ultima emissione obbligazionaria che FS Italiane ha collocato, in private placement, sul Programma quotato all’Euronext di Dublino. I proventi serviranno a finanziare investimenti in infrastrutture di RFI, la società del Gruppo FS che si occupa della gestione e della manutenzione dell’infrastruttura ferroviaria sovrintendendo alla circolazione dei treni sulla rete.

 

A sottoscrivere interamente il bond è stata Cassa Depositi e Prestiti, testimoniando una volta di più il suo ruolo strategico a sostegno delle imprese italiane. Gli investimenti in infrastrutture per la mobilità di persone e cose, infrastrutture moderne, sicure e sostenibili, costituiscono, nel particolare frangente che sta vivendo il paese, un elemento essenziale per favorire una pronta ripartenza del sistema produttivo nazionale e la creazione delle basi per futuri sviluppi economici e sociali. 

 

La nota stampa diffusa da FS Italiane precisa che “il bond sarà emesso alla pari con tasso pari allo 0.641%”  ossia con la cedola fissa più bassa pagata da FS per un’emissione obbligazionaria EMTN sul mercato dei capitali.

 

Va aggiunto che FS Italiane ha saputo cogliere l’ottima finestra offerta dal mercato finanziario, caratterizzata da un tasso di interessi sui titoli di stato italiani giunto a un minimo storico.