Con il treno di Dante la cultura riparte e torna a viaggiare nel Paese. 

Un viaggio inaugurale da Firenze a Ravenna, quello di domenica 6 giugno 2021, sulle storiche vetture Centoporte della Fondazione FS Italiane, per rendere omaggio – ancora una volta – al grande Dante Alighieri nel settecentesimo anno dalla sua morte. 

Un viaggio in treno lungo la suggestiva linea faentina che attraversa l’appennino tosco-emiliano. Un viaggio che unisce il presente al passato e guarda al futuro con entusiasmo e speranza. A bordo il ministro della Cultura Dario Franceschini e il maestro Riccardo Muti

Prima tappa Marradi, piccolo borgo in provincia di Firenze nell’alto Mugello. Luogo legato in qualche modo a Dante, pare che qui nei primi anni del suo esilio abbia denunciato il furto del suo cavallo. E proprio a Marradi il maestro Riccardo Muti ha diretto l’orchestra Luigi Cherubini in occasione della riapertura dello storico teatro accademico degli Animosi. Il treno ha poi accolto gli orchestrali per raggiungere Ravenna, luogo di sepoltura di Dante, in serata.

LE PAROLE DEL MINISTRO FRANCESCHINI E DEL MAESTRO MUTI

“La partenza di questo treno è un altro passo verso il ritorno alla normalità - ha detto Dario Franceschini -. Inoltre, il fatto che si tratti di un treno storico ribadisce l'impegno del ministero della Cultura nel recupero dello straordinario patrimonio custodito dalla Fondazione di Ferrovie dello Stato Italiane, fatto di treni d'epoca e di tratte ferroviarie attraverso paesaggi straordinari”.

 

L'importanza dei teatri nei piccoli centri “è una battaglia che sto conducendo da molti anni. In Italia molti di questi sono chiusi. Se vogliamo veramente ripartire con la cultura è il momento di riaprirli, e soprattutto di affidarli ai giovani”. Ha sottolineato Riccardo Muti che ha poi proseguito “dobbiamo dare ai giovani la possibilità di esprimersi. Lo dice uno che non è più giovane ma quando lo era ha avuto la possibilità di esprimersi. Oggi non è più così". Per il maestro Muti, “la riapertura del teatro di Marradi, che è della fine del '700, è un segnale importantissimo, un Natale, una rinascita”.

LE INIZIATIVE DEL GRUPPO FS PER CELEBRARE DANTE

Il Gruppo FS ha dedicato ampi servizi sul magazine La Freccia e sul giornale online FS News alle celebrazioni per il 700° anno dalla scomparsa del padre della lingua italiana. La Freccia ha dedicato ampio spazio a Dante Alighieri nel numero uscito a novembre 2020, dall’editoriale Vita Nova all’appunto indimenticabile viaggio da Firenze a Ravenna. Nel corso del 2021 il Gruppo FS ha sostenuto le iniziative per il Dantedì del 25 marzo oltre che raccontare più volte la vita del grande poeta fiorentino con approfondimenti su Dante e l’amoreDante e la musica, Dante e le infiorate d'Italia.

TUTTI IN CARROZZA, ANCHE LA BICI, DAL 3 LUGLIO AL 10 OTTOBRE

Dal 3 luglio e fino al 10 ottobre, ogni sabato e domenica si potrà salire a bordo del Treno di Dante da Firenze Santa Maria Novella a Ravenna, con tappe sia all’andata e sia al ritorno a Borgo San Lorenzo, Marradi, Brisighella e Faenza per poi giungere a Ravenna. Un treno storico attrezzato anche con un bagagliaio per il trasporto bici, un messaggio green del Gruppo FS per sostenere il turismo ferroviario nell’estate 2021.